Close
In offerta!

Nadryv

10,00  9,50 

Esistono termini russi per i quali, nonostante le nostre circa 270mila parole, non possiamo trovare l’equivalente italiano; esistono parole che riflettono la vera essenza dello spirito russo e, per questo, difficili da tradurre.

pp. 98

Disponibile

COD: ISBN 978-88-32100-05-1 Categorie: , Tag: Product ID: 1826

Descrizione

Esistono termini russi per i quali, nonostante le nostre circa 270mila parole, non possiamo trovare l’equivalente italiano; esistono parole che riflettono la vera essenza dello spirito russo e, per questo, difficili da tradurre.
Nadryv indica uno strappo emotivo, una lacerazione improvvisa e violenta che spinge una persona a rivelare i suoi sentimenti più intimi, le proprie percezioni (spesso distorte) del mondo. Una lacerazione improvvisa, sì, ma anche frutto di una profonda autoanalisi.

Jacopo Masci nasce a Roma in un tranquillo settembre del 1987. Cameriere, geologo e musicista, si scopre poeta solo di recente, alla soglia dei trent’anni. Ha all’attivo la pubblicazione di una raccolta poetica, dal titolo Sì, ma niente di serio, pubblicata nel 2017 e totalmente autoprodotta.